Iscrizioni, ripescaggi e ammissioni: tutti i numeri, si decide tra 1 e 2 agost

Ventitrè le società che hanno domanda di partecipazione alla Serie A2 maschile, 94 in Serie B. In A femminile si va verso il girone unico a 17 squadre, boom in A2 femminile dove con ben 53 club che hanno presentato regolare richiesta

Nella giornata di martedì 25 luglio, la Co.Vi.So.D (Commissione Vigilanza Società Dilettantistiche) ha completato le procedure di esame delle domande di iscrizione, ammissione e ripescaggio ai campionati nazionali organizzati dalla Divisione Calcio a cinque per la stagione 2017/18.

Alla scadenza dei termini, risultano pervenute (comprese le richieste di ammissione e ripescaggio) le seguenti richieste di iscrizione:

Serie A: 14 società
Serie A2: 23 società
Serie B: 94 società
Serie A femminile: 17 società
Serie A2 femminile: 53 società

Il Consiglio Direttivo della Lnd e il Consiglio Direttivo della Divisione definiranno rispettivamente le iscrizioni (Direttivo Lnd, martedì 1° agosto) e i ripescaggi, le ammissioni e i gironi della nuova stagione (Direttivo Divisione, mercoledì 2 agosto).

In attesa delle decisioni della Lnd e della Divisione Calcio a cinque, si delinea un quadro che vedrebbe un ritorno dell’organico della Serie A a 14 squadre: non accadeva addirittura dalla stagione 2012-2013. Sarà l’anno zero del campionato di Serie A femminile, per la sua denominazione (Serie A) e per l’articolazione a girone unico che – dopo l’esame della Co.Vi.So.D – sarebbe quindi composto da 17 società. Un autentico boom di richieste per le società femminili, che porterebbe a quattro il numero di gironi per il campionato di Serie A2, anch’esso protagonista di un cambio di denominazione.

La Divisione Calcio a cinque tiene a precisare che tutte le società iscritte ai campionati nazionali hanno provveduto a regolare gli adempimenti economici richiesti, non usufruendo di alcun contributo.

 

Precedente Oggi il primo pronunciamento della Co.Vi.Sod: in A2 c'è l'incognita Cagliari Successivo Covisod, the day after: la Serie A è ok, ma A2 e B sono in oggettiva difficoltà